Uveite

Definizione
L'uveite è una condizione oculare determinata dall'infiammazione dell'uvea, il tessuto dell'occhio posto sotto la sclera (parte bianca del globo oculare), comprendente l'iride (parte centrale ad anello che delimita il foro della pupilla), la membrana coroide (contenente i vasi sanguigni che riforniscono gran parte dei tessuti dell'occhio di ossigeno e sostanze nutritive e prelevano anidride carbonica sostanze di rifiuto) e il corpo ciliare (struttura posta intorno all'iride, sotto la coroide, che secerne l'umor acqueo, il liquido che irrora e nutre le parti dell'occhio non raggiunte dai vasi sanguigni e che determina la pressione interna dell'occhio).

A seconda della porzione dell'uvea interessata dall'infiammazione si possono avere forme di uveite: anteriore (irite, con coinvolgimento dell'iride); intermedia (ciclite, con coinvolgimento del corpo ciliare); posteriore (coroidite, con coinvolgimento della coroide); diffusa (panuveite, con coinvolgimento generalizzato).

L'uveite può avere un'insorgenza acuta improvvisa o graduale, interessare uno o entrambi gli occhi, essere indotta da varie cause e colpire persone di qualunque età, anche se tende a comparire soprattutto tra i 20 e 50 anni.
Cause
L'infiammazione dell'occhio all'origine dell'uveite può essere determinata da:
 
  • un trama di natura meccanica (compresi interventi di chirurgia oculare);
  • presenza di una malattia autoimmune come la sarcoidosi o spondilite anchilosante;
  • presenza di condizioni infiammatorie croniche come la malattia di Crohn o la colite ulcerosa;
  • infezioni da parte di virus (in particolare, Herpes zooster e West Nile virus), batteri (Mycobacterium tuberculosis, responsabile della tubercolosi, e Borrelia burgdorferi, causa della malattia di Lyme trasmessa dalle zecche) o altri microrganismi patogeni (come il Toxoplasma gondii, responsabile della toxoplasmosi, e il Treponema pallidum, responsabile della sifilide);
  • tumori che possono interessare l'occhio (per esempio, linfomi).

Ricerche recenti hanno indicato che alcune persone sono maggiormente esposte al rischio di soffrire di uveite per ragioni di ordine genetico e che il fumo di sigaretta può aumentare la probabilità di sviluppare questo tipo di infiammazioni dell'occhio.
Sintomi
I sintomi dell'uveite possono insorgere in modo graduale, peggiorando progressivamente, oppure manifestarsi in modo improvviso. I principali consistono in: arrossamento e dolore all'occhio, lacrimazione eccessiva o comparsa di altre secrezioni (di colore e consistenza variabili in funzione della causa), vista offuscata, riduzione della capacità visiva, comparsa di corpi scuri fluttuanti nel campo visivo, ipersensibilità alla luce (fotofobia).

Le alterazioni della vista, generalmente transitorie, compaiono soprattutto quando l'infiammazione coinvolge anche il cristallino, la lente naturale dell'occhio che convoglia sulla retina la luce proveniente dall'esterno, attraverso la pupilla.


Governo Salute
La Grande Via
Ant
Aspremare
EducareYou
Gvm
Simaiss
Cittadinanza Attiva
Alice Italia
Airc
Abio
Fand