Epidermolisi bollosa

Definizione
L'epidermolisi bollosa (EB) corrisponde a un gruppo di malattie genetiche rare e invalidanti caratterizzate dalla comparsa di bolle e lesioni sulla pelle e nelle mucose interne, che possono svilupparsi spontaneamente o a causa sfregamenti anche molto lievi. L'EB è nota anche come “sindrome dei bambini farfalla”, facendo riferimento all'estrema fragilità dei pazienti, che ricorda quella delle ali delle farfalle.

A livello mondiale, l'epidermolisi bollosa interessa circa 1 bambino su 17.000 nati, ossia circa 500.000 persone; in Italia, l'incidenza è inferiore, con circa un bambino affetto ogni 82.000 nati, per un totale di circa 1.500 pazienti sul territorio nazionale.

L'EB è un gruppo di patologie estremamente complesse sul piano clinico e dai profondi risvolti psicologici, sia per il paziente sia per i familiari; l'EB può manifestarsi in tre forme principali: semplice (o epidermolitica); giunzionale; distrofica (o dermolitica). Quando presente in forma lieve, l'epidermolisi bollosa può comunque consentire un’esistenza normale, mentre le forme più gravi possono essere letali anche in epoca neonatale o intrauterina.
Cause
L'epidermolisi bollosa è indotta da cause genetiche complesse, a oggi caratterizzate soltanto in parte. Negli ultimi 20 anni, sono stati individuati oltre 13 diversi geni potenzialmente coinvolti nella malattia, ma non in grado di spiegarne tutte le forme esistenti.

A determinare le manifestazioni a livello di cute e mucose è la presenza di una o più proteine alterate tra quelle necessarie per garantire la connessione e l’aderenza tra l'epidermide e il derma sottostante, come il collagene, la laminina, le cheratine e le integrine. Queste alterazioni fanno sì che i filamenti di ancoraggio tra i diversi strati della pelle siano molto fragili o del tutto assenti e che qualsiasi azione che generi sfregamento o attrito porti a lesioni cutanee e intensa infiammazione.
Sintomi
La manifestazione più evidente dell'epidermolisi bollosa consiste nell'estrema fragilità e nei gravi danni alla pelle che comporta, sotto forma di bolle e lacerazioni. Tuttavia, la malattia coinvolge anche molti organi interni e può essere alla base di numerose complicanze severe. I sintomi dell'epidermolisi bollosa visibili dall'esterno comprendono:
 
  • aftosi orale;
  • bolle sull'epidermide;
  • bruciore alla bocca;
  • vescicole rotondeggianti su cute e mucose dell'area facciale e/o genitale;
  • disfagia (difficoltà a deglutire);
  • ulcere cutanee;
  • unghie con righe verticali;
  • instabilità e caduta dei denti.

Il contenuto delle bolle può essere di tipo sieroso (fluido trasparente) o ematico (contenente sangue). Le aree più comunemente interessate dalla malattia sono le superfici di gomiti, ginocchia, caviglie e glutei.

L'epidermolisi bollosa può, inoltre, provocare dolore e lesioni cicatriziali; il grado di invalidità associato alla malattia può essere significativo, considerando che spesso sono interessate le mani e i piedi. In alcune forme, si osservano anche vaste aree "disepitelizzate" (ossia del tutto prive degli strati superficiali della cute) e alterazioni della morfologia delle unghie (distrofia ungueale).
In qualche caso, sono coinvolte le mucose degli occhi, della bocca o dei genitali. Quando la malattia interessa la laringe e l'esofago possono insorgere seri disturbi della deglutizione, con conseguente difficoltà ad alimentarsi.


Governo Salute
La Grande Via
Ant
Aspremare
EducareYou
Gvm
Simaiss
Cittadinanza Attiva
Alice Italia
Airc
Abio
Fand