Epatite A

Definizione
L'epatite A è l'infiammazione acuta del fegato più comune a livello mondiale ed è determinata dal virus omonimo, entrato accidentalmente nell'organismo attraverso alimenti o bevande contaminate.

Nei Paesi in via di sviluppo può dar luogo a epidemie, soprattutto a causa di bassi standard igienici e dell'assenza di misure preventive di tipo vaccinale e di produzione e gestione delle acque e delle derrate alimentari. Focolai di infezione possono, tuttavia, svilupparsi anche nei Paesi occidentali (compresa l'Italia), soprattutto a causa del consumo di frutti di mare crudi contaminati.

L'infezione e può interessare chiunque a qualunque età, ma è più frequente nei bambini, negli adolescenti e nei giovani adulti. L'epatite A può causare sintomi più o meno significativi in funzione della risposta individuale, ma guarisce sempre spontaneamente in modo completo e non da luogo a forme croniche.
Cause
A causare l'epatite A è l'Hepatitis A virus (HAV), un virus a RNA della famiglia dei picornavirus che vive bene nell'acqua e che può contaminare frutti di mare, pesci, verdure e frutta (cresciuti o irrorati con acque contenenti il virus). Il virus si trasmette per via orofecale e viene contratto bevendo acqua contaminata non bollita o alimenti contaminati crudi.

La diffusione del virus nell'ambiente è facilitata dal fatto che le persone già infettate e in grado di trasmettere il virus restano del tutto asintomatiche per alcuni giorni, potendo trasmettere inconsapevolmente l'HAV attraverso l'uso comune di servizi igienici o mentre cucinano o manipolano alimenti, specie se non si lavano assiduamente le mani con prodotti igienizzanti.
Sintomi
Negli adolescenti e negli adulti i sintomi dell'epatite A sono quelli classici dell'epatite acuta e comprendono malessere generale, perdita di appetito, nausea e vomito, repulsione per il fumo (nei fumatori), febbre e/o dolore nel quadrante superiore destro dell'addome.

In circa 3 casi su 4 è presente anche ittero, con comparsa di colorazione giallastra della pelle, delle sclere degli occhi e delle mucose dovuti all'eccessivo innalzamento dei livelli di bilirubina nel sangue. Nei bambini, l'epatite A in molti casi non da alcun sintomo o ne da di molto lievi e l'ittero non è quasi mai presente.

Soltanto in rari casi, l'HAV può determinare un'epatite fulminante, che pone in serio pericolo di vita. In tutti gli altri casi, il decorso è lento e la malattia si risolve mediamente nell'arco di 2 mesi (talvolta, anche in 4-6 mesi).


Governo Salute
La Grande Via
Ant
Aspremare
EducareYou
Gvm
Simaiss
Cittadinanza Attiva
Alice Italia
Airc
Abio
Fand