Tumore del rene

Come per tutti i tumori, le cause dell’adenocarcinoma e dei sarcomi renali risiedono in una serie di mutazioni genetiche che permettono a un gruppo di cellule di acquisire nuove caratteristiche e iniziare a moltiplicarsi in modo indiscriminato, sfuggendo ai controlli di norma previsti per consentire che il rinnovamento e la riparazione dei tessuti avvengano secondo tempistiche e criteri ben definiti.

Tuttavia, nel caso del tumore del rene non si conoscono i meccanismi all’origine di queste mutazioni e della conseguente trasformazione in senso neoplastico.

Nel corso degli anni, sono stati riconosciuti alcuni fattori che aumentano il rischio di sviluppare il tumore del rene: i principali comprendono:

  • l’appartenenza al sesso maschile (colpito più di quello femminile secondo un rapporto di circa 3:2);
  • l’età superiore a 50 anni, il fumo (che raddoppia la probabilità di sviluppare tumore del rene rispetto a chi non fuma);
  • l’obesità, l’esposizione a specifiche sostanze dall’azione nefrotossica (mezzi di contrasto, amianto, cadmio, prodotti per la conciatura delle pelli, derivati del petrolio, ecc.);
  • l’inquinamento atmosferico;
  • l’abuso di fenacetina (un antipiretico di vecchia generazione, ora molto poco usato);
  • la presenza di patologia da rene cistico (acquisito nei pazienti in dialisi) e di alcune rare sindromi familiari su base genetica (in particolare, la malattia di von Hippel-Lindau).

Aneddoto

“Non si devono mangiare i pomodori perché possono essere  contaminati da salmonella. Prima ancora c’era la lattuga contaminata, e ora anche i pomodori. Chi avrebbe mai pensato che in un toast di pomodori, lattuga e pancetta la parte più sana sarebbe stata la pancetta?”

David Letterman


Ti potrebbe interessare anche:

EYOU.Formazione

Percorsi didattici e corsi di formazione