Mal di testa

Il mal di testa o cefalea, occasionale o ricorrente, è uno dei disturbi più diffusi tra persone di ogni età e di ogni parte del mondo, che, a seconda della tipologia specifica, può interessare con diversa frequenza uomini e donne.

In totale, i tipi e i sottotipi di mal di testa riconosciuti dall’International Headache Society (IHS), sono quasi 150, suddivisi in innumerevoli gruppi caratterizzati da modalità di presentazione distintive e approcci di trattamento variabili.
Le due principali distinzioni sono tra cefalee primarie (dette anche “essenziali” o “idiopatiche”) e cefalee secondarie e tra forme acute e croniche.

Le forme primarie sono i mal di testa “puri”, ossia privi di cause patologiche sottostanti, e le principali sono essenzialmente tre: emicrania, cefalea a grappolo e cefalea tensiva. Le cefalee secondarie sono, invece, conseguenti alla presenza di un’altra malattia, che ha il mal di testa tra i suoi sintomi più o meno caratteristici e che va investigata e trattata in modo specifico.

Sulla base della durata e/o della ricorrenza, si distinguono il mal di testa acuto (ossia occasionale o con attacchi presenti per un pochi giorni al mese) e cronico, caratterizzato da attacchi che si ripetono per oltre 10 giorni al mese per almeno 3 settimane.

Aneddoto

“Il miracolo della sopravvivenza umana: un miracolo ancora più grande, se si pensa che di notte queste povere creature, russando, rivelavano la loro presenza agli animali feroci. Gli unici animali selvatici che russano come noi sono le scimmie antropomorfe.”

Elias Canetti


Ti potrebbe interessare anche:

EYOU.Formazione

Percorsi didattici e corsi di formazione