Calcolosi renale

La calcolosi renale è una patologia molto diffusa nei Paesi industrializzati, compresa l’Italia, soprattutto tra gli uomini adulti, colpiti con una frequenza circa doppia rispetto alle donne.

I calcoli renali sono strutture solide di dimensioni variabili che si possono formare nei reni, negli ureteri o nella vescica e che possono ostruire il deflusso dell’urina e/o favorire lo sviluppo di infiammazioni e infezioni a carico di questi organi.

I calcoli renali possono essere costituiti da sali minerali o da altre sostanze che, a causa di una patologia specifica, di una predisposizione individuale di tipo genetico o di errori nello stile di vita, raggiungono concentrazioni particolarmente elevate nelle vie urinarie e “precipitano”, aggregandosi sotto forma di cristalli.

I calcoli che si riscontrano più frequentemente nella popolazione generale sono costituiti da ossalato di calcio (90% dei casi), mentre quelli di fosfato di calcio e quelli di acido urico sono meno frequenti e quelli formati da cistina molto rari.

Curiosità

Lo speculum, strumento ginecologico per esaminare la vagina, veniva già usato dal 1300 AC., dagli egiziani che lo impiegarono per primi.


Ti potrebbe interessare anche:

EYOU.Formazione

Percorsi didattici e corsi di formazione