Salute, Stili di vita

Melanoma: un grave pericolo per la salute della nostra pelle

Mare o montagna, a chi non piace il sole in estate? Attenzione però agli effetti negativi che può comportare per…

Mare o montagna, a chi non piace il sole in estate? Attenzione però agli effetti negativi che può comportare per la nostra pelle, soprattutto se è chiara e ricca di lentiggini e nei. Il rischio più temuto, infatti,  è il melanoma, che in Italia risulta il terzo tumore più frequente al di sotto dei 50 anni di età.

La sua insorgenza è legata a fattori genetici e ambientali, a partire dall’esposizione ai raggi ultravioletti, di cui le ustioni sono l’effetto. Le ustioni sono ancora più deleterie quando coinvolgono i più piccoli e, soprattutto, i figli di genitori affetti da melanoma o sopravvissuti ad esso. Questi bambini, infatti, presentano un rischio maggiore di sviluppare il tumore rispetto alla popolazione generale.

La prevenzione

La prevenzione migliore consiste in una diagnosi precoce. In che modo? Ogni adulto dovrebbe osservare ogni 2-3 mesi tutta la propria superficie corporea, e rivolgersi a un dermatologo quando un neo cambia colore, forma o dimensione, oppure quando insorge un nuovo neo. Inoltre, le persone con familiarità o tanti nei dovrebbero effettuare un controllo una volta l’anno. In tale occasione il dermatologo valuterà le caratteristiche di tutte le lesioni cutanee, sia ad occhio nudo, che con l’ausilio di una tecnica non invasiva, la dermatoscopia. Questo perché il melanoma talvolta non è riconoscibile ad occhio nudo e può essere scambiato per un tipico neo.

Tutti dovrebbero conoscere la “ regola dell’A-B-C-D-E”, utile per una diagnosi precoce. È sospetto un neo quando:

A – E’ asimmetrico

B – Presenta bordi irregolari

C – Ha un colore variegato: dal marrone chiaro al marrone scuro al nero

D – Ha un diametro superiore a 5 mm

E – Presenta un’evoluzione: i cambiamenti di colore, forma e/o dimensioni del neo, l’elevazione e la comparsa di sintomi come prurito e/o sanguinamento sono tutti elementi suggestivi di malignità.

Applichiamo sempre e frequentemente creme protettive, non restiamo troppo a lungo sotto il sole, ricordando che a proteggerci non basta l’ombrellone mentre sono utili maglietta e cappellino. Potremo così godere dei tanti benefici dei raggi solari senza rischi. E finita l’estate facciamoci controllare dal dermatologo!