La candidiasi vaginale

L’infezione da candidiasi vaginale è un’infezione fungina che causa irritazione, secrezione e prurito intenso della vagina e della vulva, è anche chiamata candidosi vaginale e solitamente ogni donna ne è stata colpita almeno un paio di volte nel corso della vita.
Un’infezione da lieviti vaginali non rientra nelle malattie sessualmente trasmesse, ma sussiste il rischio di infezione da candidosi in occasione di una prima volta come rapporto sessuale, con la possibilità che l’infezione possa localizzarsi alla bocca o ai genitali, per effetto del tipo di rapporto sessuale.
Solitamente questo tipo di infezione è efficacemente trattabile con farmaci che debellano i lieviti funginei. Nei casi di infezioni ricorrenti o refrattari al trattamento vanno somministrati cicli terapeutici più lunghi.

Sintomi

I sintomi della candidosi vaginale possono presentarsi più o meno intensi:

  • prurito e irritazione di  vagina e vulva.
  • Fastidio e bruciore in occasione di rapporti sessuali, o nell’urinare.
  • rossore e gonfiore della vulva.
  • dolore e indolenzimento vaginale.
  • eruzione vaginale.
  • perdite vaginali spesse, bianche, prive di odori.

Si può manifestare una complicata infezione da lievito nei seguenti casi:

  • se si lamentano segni e sintomi gravi, come arrossamento, gonfiore e prurito estesi, talvolta con irritazione o piaghe.
  • se l’infezione è ricorrente, ad esempio 3-4 volte in un anno.
  • Se si è in stato di gravidanza.
  • Se si soffre di diabete, non controllato.
  • Se si è in una condizione immunodeficitaria.

Sintomi

La sintomatologia dell’infezione può variare da lieve a moderata se sono presenti elementi come:

  • prurito e irritazione nella vagina e nella vulva.
  • Una sensazione di bruciore, soprattutto in occasione di rapporti.
  • Arrossamento e gonfiore della vulva.
  • Dolore e indolenzimento vaginale.

Diagnosi

Formulare la diagnosi di un’infezione da lievito per il medico passa attraverso alcune fasi:

  • raccolta informazioni e dati sulla storia medica della paziente, su infezioni vaginali pregresse o infezioni a trasmissione sessuale.
  • Espletamento di un esame pelvico, un esame obiettivo dei genitali esterni per osservare eventuali segni di infezione.
  • Indagine intravaginale e della cervice, osservazione dell’utero.
  • Testare le secrezioni vaginali, prelevando un campione di liquido vaginale per la ricerca del tipo di fungo responsabile dell’infezione, al fine di poter individuare il trattamento più efficace.

Trattamento

Il trattamento per le infezioni da lieviti dipende dalla gravità e dalla frequenza delle infezioni.

  • Somministrazione per una settimana di farmaci antifungini, vi sono sia farmaci da banco che da prescrizione, sotto forma di compresse, creme.
  • Per i casi pù gravi può essere efficace un farmaco monodose per via orale  a base di fluconazolo, non assumibile in caso di stato di gravidanza della paziente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

*

EYOU.Formazione

Percorsi didattici e corsi di formazione