Cibo & Bevande, Nutrizione, Salute, Video post, Wellness

Le acque minerali. istruzioni per l’uso

Bere un bicchiere d’acqua è un gesto quotidiano che compiamo senza quasi rendercene conto. Ma quali implicazioni ha sulla nostra…


Bere un bicchiere d’acqua è un gesto quotidiano che compiamo senza quasi rendercene conto. Ma quali implicazioni ha sulla nostra salute l’acqua che scegliamo di consumare? Ecco una piccola guida per essere in grado di orientarsi nel mondo delle acque minerali e per trarne vantaggi per la nostra salute e il nostro benessere.

Semplice come bere un bicchier d’acqua non proprio la scelta dell’ acqua da bere spesso mette in difficoltà tra etichette difficili da leggere e parole tecniche che non ci fanno capire con chiarezza le differenze tra una bottiglia e l’altra e pensare che gli italiani sono I maggiori consumatori di acqua minerale del mondo ne consumano 190 litri a testa ogni anno quali sono le informazioni principali da sapere per orientarsi nella scelta innanzitutto è fondamentale che l’etichetta riporti l’indicazione acqua minerale naturale e non semplicemente acqua di sorgente solo l’acqua minerale naturale per ascelle proprietà riconosciute dal ministero della salute n cessario controllare anche il ph cioè il grado di alcalinità ho acidità in genere le acque in commercio si aggirano tutte intorno a 7:00 cioè eh ph neutro e questa è sempre una buona scelta un altro fattore da considerare è il cosiddetto residuo fisso ma di cosa si tratta è la quantità di sali minerali depositati da un litro di acqua minerale fatto evaporare a 180 gradi centigradi permette di classificare le acque in base ai minerali contenuti se la quantità di sali minerali è inferiore a 50 mg per litro si parla di acque minimamente mineralizzate leggere favoriscono la diuresi e facilitano l’espulsione di piccoli calcoli renali sono quelle consigliate nell’alimentazione dei neonati se I sali sono fino a 500 mg per litro abbiamo acque oligominerali sono ottime acque da tavola adatte essere bevute quotidianamente se il residuo fisso è compreso tra 500 e 1000 si tratta invece di acque minerali non devono essere bevute in quantità eccessive alternandole con acqua oligominerale oltre 1500 si parla di acque ricche di sali minerali si usano specificamente a scopo curativo su consiglio medico da non confondere con il residuo fisso è la durezza dell’acqua determinata dal contenuto di calcio e magnesio si misura in gradi francesi più il valore alto più l’acqua e calcarea si hanno acquedolci quando la durezza è inferiore a 15 gradi francesi mediamente dure tra 15 e 30 gradi francesi e dure dalla durezza dipende il gusto dell’acqua ma non ci sono ricadute sulla salute l’attuale normativa raccomanda comunque acque con valori tra 15 e 50 gradi francesi equivalenti a 60 200 mg di calcio per litro

Ha fatto della scrittura il suo mestiere e si occupa di strategia e sviluppo della comunicazione per progetti in campo scientifico, sociale e culturale. Le interessa infatti la comunicazione intesa come divulgazione e sensibilizzazione per poter informare, diffondere conoscenza e, nel migliore dei casi, far germogliare idee e valori. Spesso ‘racconta’ il suo mestiere in seminari o corsi di formazione, è docente a contratto di Tecniche di scrittura al Master in Comunicazione della scienza dell’Università degli studi di Padova.