Gestosi

« Torna all'indice

Manifestazioni tossiche di vario tipo che possono insorgere in qualunque momento nel corso della gravidanza, ma prevalentemente nel primo e nel terzo trimestre. Sono collegate alla gravidanza stessa e potrebbero essere definite quindi “malattie della gravidanza”.  Le gestosi precoci o del 1° trimestre di gravidanza sono l’iperemesi gravidica e lo ptialismo. La prima, detta anche vomito incoercibile, che si presenta all’incirca nell’1% delle gravidanze, è un fenomeno patologico ben più grave della comune nausea e vomito presenti nelle maggior parti delle gravide (60%) e va trattato precocemente per evitare interruzioni della gravidanza stessa. Nel terzo trimestre (gestosi tardive) sono più frequenti l’albuminuria, l’ipertensione, la preeclampsia, la eclampsia (v.), tutte collegate con alterazioni metaboliche che si stabiliscono per la convivenza materno-fetale, capace evidentemente di provocare modificazioni biochimiche che in questi casi riescono a dare disturbi considerevoli. Queste forme di gestosi tardive rappresentano vari stadi di passaggio di una tossiemia gravidica, che solo in pochi casi fortunatamente giunge alle gravi forme eclamptiche con alterazioni renali (v. Nefropatia), più spesso limitandosi a dare scarsi fenomeni urinari (albuminuria) con edemi. Si possono inoltre verificare degli stati di sofferenza a carico del fegato (atrofia giallo-acuta) o del sistema emopoietico (varie forme di anemia) che possono talvolta creare preoccupazioni considerevoli. E’ importantissima in questi casi una diagnosi precoce che indichi la via più esatta per un trattamento terapeutico appropriato (con l’eventualità di dover interrompere la gravidanza qualora si renda necessario per salvare la vita della madre).

EYOU.Formazione

Percorsi didattici e corsi di formazione