Il rigurgito

COME RICONOSCERLO

Il rigurgito è la risalita involontaria di contenuto gastrico in faringe, all’interno o fuori dalla bocca, di solito senza sforzo e non proiettivo. Un aspetto da differenziare subito dal rigurgito è il reflusso gastroesofageo (RGE), peraltro fisiologicamente frequente e spesso associato a rigurgito orale. Il rigurgito è quanto mai frequente: si stima che interessi con frequenza quotidiana oltre il 50% dei lattanti d’età compresa tra i 3 e i 4 mesi e che nel 20% dei casi si verifichino almeno quattro episodi giornalieri.

A differenza della malattia da reflusso gastroesofageo, il rigurgito non comporta complicazioni, ma evoca notevole ansia nei genitori ed è responsabile di numerose visite pediatriche: circa un genitore su cinque, infatti, chiede aiuto in caso di rigurgiti frequenti. Per questa ragione, malgrado una prognosi favorevole, non è affatto raro che i lattanti con rigurgito vengano sottoposti a interventi importanti, come per esempio modificazioni dietetiche (cambio del tipo di latte formulato) e perfino trattamenti farmacologici di dubbia utilità. Un ulteriore concetto da precisare è la ruminazione, definita come rigurgito volontario, abituale e senza sforzo di cibo recentemente ingerito.

Il rigurgito non complicato in un lattante altrimenti sano è considerato come una tappa di sviluppo e non una malattia. Più della metà dei lattanti sani presenta infatti ogni giorno episodi di rigurgito e soltanto una piccola percentuale risulta ancora presente a 10-12 mesi.

ASPETTI DA VALUTARE E RIPORTARE

  • numero giornaliero di episodi;
  • distanza dalla poppata;
  • carattere del materiale emesso (è acido oppure no?);
  • accrescimento del lattante;
  • eventuali “reazioni” del lattante dopo l’episodio (es. pianto, cambiamento di posizione).

Elementi sospetti sono:

  • il rigurgito diventa persistentemente a getto (vomito);
  • il vomito è biliare (verde o giallo-verde) o con sangue;
  • compaiono segni/sintomi nuovi quali agitazione o irritabilità importante, difficoltà di alimentazione o arresto della crescita;
  • i rigurgiti persistono oltre l’anno di vita.

CAUSE E MECCANISMI

Il rigurgito può essere favorito da numerosi fattori predisponenti (posizione prevalentemente supina del lattante, tono ridotto del cardias, la valvola interposta tra esofago e stomaco), ma non  ha alcun significato patologico. Anzi, nei casi di lattanti molto voraci, è perfino considerato un sistema protettivo nei confronti dell’ingestione di un volume eccessivo di latte. Rigurgito e reflusso vanno inoltre differenziati dal vomito, inteso come risposta motoria coordinata autonomica e volontaria con espulsione forzata del contenuto gastrico dalla bocca, e dalla malattia da reflusso gastroesofageo, che rappresenta l’espressione patologica di un reflusso con manifestazione di sintomi o complicazioni. 

CURA E PREVENZIONE

Il rigurgito eccessivo, di solito caratterizzato da oltre quattro episodi al giorno, è spesso motivo di preoccupazione per i genitori ma non dovrebbe essere confuso con la malattia da reflusso gastroesofageo, trattandosi di un sintomo né sensibile né specifico, ma il più delle volte fisiologico e a risoluzione spontanea nel primo anno di vita. È tuttavia opportuno ricordare che talvolta i rigurgiti frequenti possono essere espressione di altre condizioni che devono essere opportunamente escluse, quali allergia alimentare, infezioni, malattie respiratorie o neurologiche. Il rigurgito fisiologicamente si riduce con il tempo (si risolve nel 90% dei lattanti prima di 1 anno di età) e solitamente non ha bisogno di ulteriori indagini o trattamenti. In alcuni casi,  il pediatra può suggerire l’impiego di un latte “AR” (anti rigurgito), una formula opportunamente ispessita per contrastarne appunto la risalita dopo la poppata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

*

EYOU.Formazione

Percorsi didattici e corsi di formazione