Alcuni farmaci impiegati nella malattia di Parkinson stimolano la creatività

101
Parkinson
Parkinson

Nei soggetti con malattia di Parkinson, l’uso di farmaci dopaminergici  in grado di stimolare i recettori per la dopamina, neurotrasmettitore  carente in questa patologia, può determinare degli  effetti collaterali  caratterizzati da un cattivo controllo degli impulsi:  tra questi il gioco d’azzardo patologico, l’ipersessualità e lo shopping compulsivo. Tuttavia  lo stesso trattamento farmacologico ha stimolato in alcuni soggetti  con malattia di Parkinson un aumento della creatività e l’acquisizione di nuove capacità artistiche.

Mentre il cattivo controllo degli impulsi,  quale soprattutto il gioco d’azzardo patologico, è  ben riconosciuto in letteratura, la creatività rimane sottostimata, probabilmente perché è un evento spesso apprezzato e come tale non in grado di creare disagio, né nei pazienti né nei loro familiari. In un recente studio, alcuni ricercatori hanno valutato una ventina di soggetti affetti da malattia di Parkinson che presentavano, dopo il trattamento dopaminergico, una maggiore creatività artistica rispetto al passato. Tra le attività artistiche riscontrate al primo posto la pittura, ma anche lo sviluppo di abilità poetiche (Schrag e Trimble 2001; Walker et al, 2006).

Non c’è dubbio che un ambiente familiare stimolante potrebbe far emergere più frequentemente aspetti creativi in corso di malattia di Parkinson  trattata con farmaci dopaminergici. Ma un aspetto non secondario è che gli stessi pazienti in cui vi è la  comparsa di attività artistiche riferiscono anche una condizione di benessere e la perdita della consapevolezza della malattia e persino dei limiti fisici legati alla malattia (Chatterjee et al, 2006).

Fonte: Garcia-Ruiz PJMartinez Castrillo JCDesojo LV. Creativity related to dopaminergic treatment: A multicenter study. Parkinsonism Relat Disord. 2019 Feb 22. pii: S1353-8020(19)30056-2.

Bibliografia

Chatterjee A, Hamilton RH, Amorapanth PX: Art produced by a patient with Parkinson’s disease. Behav Neurol 2006;17:105–108

Schrag A, Trimble M: Poetic talent unmasked by treatment of Parkinson’s disease. Mov Disord 2001;16:1175–1176

Walker RH, Warwick R, Cercy SP: Augmentation of artistic productivity in Parkinson’s disease. Mov Disord 2006;21:285–286.