Cranberry Harvest: la raccolta

122
Cranberry Harvest

La raccolta autunnale delle bacche mature nei campi di cranberry è un evento che lascia senza fiato, grazie all’impatto cromatico offerto dalle bacche che affiorano a pelo d’acqua. La raccolta del cranberry avviene una volta all’anno, inizia a metà settembre e si protrae fino agli inizi di novembre. Esistono due metodi di raccolta: quello a secco e quello in acqua.

Raccolta a secco

La raccolta a secco viene eseguita dai coltivatori, i quali percorrono a piedi le piantagioni, spingendo dei carrelli provvisti di meccanismi, che convogliano le bacche staccate dai cespugli in cassette. I frutti freschi vengono poi trasportati fino alle fattorie dove avviene la selezione delle bacche in base al colore e alla capacità di rimbalzo. Le bacche secche o marce e quelle moli vengono scartate. Questo tipo di raccolta è utilizzato soprattutto per il mercato della frutta fresca e per la realizzazione di ricette culinarie.

Raccolta in acqua

La raccolta in acqua è un altro metodo attraverso cui vengono allagati i bogs con circa mezzo metro d’acqua. I “frullini”, speciali macchinari attraversano i campi allagati creando dei mulinelli d’acqua che aiutano il frutto a separarsi dalla pianta. A questo punto le bacche sono facilmente radunate e raccolte con pompe aspiratrici che effettuano un primo lavaggio dei frutti. I cranberries, poi, vengono trasportati nelle fattorie per la pulitura e le successive fasi di preparazione del prodotto fresco. I mirtilli raccolti nei campi allagati sono utilizzati per la produzione di succhi o salse. In termini di volumi la raccolta in acqua rende più di quella a secco, ma tende a ridurre la qualità e la durata di conservazione dei frutti in magazzino. Le bacche possono essere danneggiate nel momento in cui vengono inserite nell’acqua e schiacciate durante la raccolta meccanica. Solitamente le bacche raccolte in acqua vengono subito congelate o essiccate e imballate in confezioni di varie dimensioni.

Fonte: Cranberry – Un frutto che non finisce mai di stupire di Mediserve