Sport, Video post, Wellness

Come scegliere le scarpe da running

Spesso la scelta delle scarpe da corsa può fare la differenza durante la attività fisica, una buona scarpa da running…

Spesso la scelta delle scarpe da corsa può fare la differenza durante la attività fisica, una buona scarpa da running per esempio potrà aiutare il podista ad ammortizzare la corsa prolungandone la durata e evitando infortuni. Le scarpe da running si dividono in categorie che le distinguono per adattabilità a diversi tipi di terreno e circostanze e permettono anche ai corridori meno esperti di fare jogging in sicurezza.

Le scarpe per correre devono essere da running e con le caratteristiche adatte per chi la indossa I podisti si differenziano per peso forma del piede tipo di appoggio a terra ma anche per livello di preparazione ritmi sostenuti e distanze obiettivo in base ad una classificazione proposta dalla rivista scarpe e sport le scarpe da running rientrano in sei categorie a zero o minimaliste scarpe leggerissime prive di ogni protezione che tendono a favorire il movimento naturale della pianta del piede a 1 o superleggere scarpe molto leggere e reattive con un peso solitamente inferiore ai 250 grammi è un dislivello minimo tra tallone e avampiede a2 o intermedie scarpe con un peso tra I 250 ei 290 grammi sono leggere e reattive ma hanno un minimo di protezione e un po’ di dislivello tra tallone e avampiede a3 o ammortizzate scarpe molto ammortizzate e adatte per chi inizia perché perdonano una tecnica di corsa non eccellente appoggi non perfetti e qualche chilo di troppo peso superiore ai 300 grammi a4 o stabili scarpe studiate per chi ha problemi di iperpronazione hanno un supporto antipronazione che impedisce al piede di ripiegarsi verso l’interno peso solitamente superiore ai 300 grammi a 5 o scarpa da trail scarpe studiate per corsa in montagna su percorsi sterrati e impegnativi

 

Allenatore Federale di Triathlon, esperto di alimentazione, fondatore di Active Kids, un centro medico specializzato nella prevenzione e cura dell’obesità pediatrica e adulta.