Salute

Colesterolo Alto? Una nuova strategia su come abbassare il colesterolo

Come abbassare il colesterolo alto Esistono diversi farmaci in grado di abbassare il colesterolo (valori colesterolo), uno dei fattori fondamentali…

Come abbassare il colesterolo alto

Esistono diversi farmaci in grado di abbassare il colesterolo (valori colesterolo), uno dei fattori fondamentali per la salute del cuore. Tra questi, i principali sono le statine. Tuttavia, un gruppo di specialisti ha individuato nell’ezetimibe, farmaco in commercio da anni, una particolare efficacia non solo in associazione alle statine, ma anche se usato da solo. L’ezetimibe, infatti, riduce l’assorbimento a livello intestinale del colesterolo e, di conseguenza, anche i livelli plasmatici del colesterolo ‘cattivo’ (C-LDL), con un buon profilo di tollerabilità.

Il cosiddetto “colesterolo alto” è oggi una sfida impegnativa per i medici, in particolar modo nei pazienti ad alto rischio cardiovascolare e nei casi in cui il trattamento di prima scelta con le statine non è ben tollerato o non permette di raggiungere i livelli di colesterolo raccomandati dalle linee guida. Non dimentichiamo, infatti, che l’ipercolesterolemia è causa diretta di malattie cardiovascolari, che solo in Italia sono responsabili di oltre 200mila morti l’anno, di cui 70mila per malattie ischemiche del cuore, tra cui l’infarto, la più temuta.

Secondo gli specialisti, l’ezetimibe è particolarmente efficace nel diminuire il rischio di eventi cardiovascolari avversi, anche nei pazienti che hanno già avuto una qualche complicanza cardiovascolare: a differenza delle statine, che hanno un’azione diretta sulla produzione del colesterolo, l’ezetimibe inibisce l’assorbimento del colesterolo a livello intestinale. L’uso combinato di entrambi i farmaci – statine ed ezetimibe – consente di realizzare il cosiddetto “doppio blocco”, indicato soprattutto per alcune categorie di pazienti, per esempio i diabetici, in cui l’assorbimento di colesterolo a livello intestinale è piuttosto elevato.

Sebbene le statine siano relativamente sicure per la maggior parte dei pazienti, talvolta possono indurre effetti collaterali, anche gravi. Numerosi studi clinici dimostrano, infatti, che il 30% dei pazienti in terapia con le statine può sviluppare significative reazioni avverse come mialgie, miositi, epatopatie e cefalea, che rendono impossibile la prosecuzione della cura. L’ezetimibe, invece, grazie al suo peculiare meccanismo d’azione, non presenta interazioni significative con altri
farmaci ed è estremamente tollerabile sia a livello epatico che a livello muscolare.

Pertanto, l’ezetimibe rappresenta una valida alternativa per tutti quei pazienti a cui è controindicato l’utilizzo delle statine.

Nato a Milano nel 1964, dove si è laureato a pieni voti in Medicina e Chirurgia nel 1989, si è occupato di ricerca sperimentale in Immunologia dei trapianti d’organo e ha in seguito conseguito, nel 1993, la specializzazione in Pediatria, dedicandosi in particolare alla fisiologia della nutrizione e allo studio degli acidi grassi in malattie metaboliche congenite. Parallelamente ha collaborato con numerose case editrici e testate scientifiche e divulgative, pubblicando articoli, libri, guide, saggi e partecipando a campagne stampa e iniziative sociali. Tuttora pratica attività clinica in regime libero professionale ed è componente di società scientifiche, comitati editoriali e board scientifici nell’ambito dell’alimentazione e dell’aggiornamento medico.